HOME » Il Giallo ad enigma e gli altri.
29
set

Il Giallo ad enigma e gli altri.

scritto da Sergio , in: Senza categoria

Nella” Riflessione sul Giallo” ho fatto chiarezza ( e ne ho riscontro dai lettori del blog) sulla differenza fra due tipi di romanzi gialli, ambedue definibili: “deduttivi”.Tuttavia spesso mi prende la fregola di trovare un termine, una etchetta univoca, un nome per distinguere l’uno dall’altro. Suggerirei di chiamare “giallo ad enigma” il tipo che offre al lettore possibilità di soluzione. Ed invece “giallo classico”,l’altro. Simile in apparenza ma diverso nella sostanza, vale a dire insolubile  per mancanza di elementi probatorii.

A questo punto sono utili degli esempi e tanto più ce ne sono, tanto meglio.

Si può dire con buona approssimazione che Agatha Christie scrisse solo gialli ad enigma. E così i due cugini che si firmavano: Ellery Queen, ma soltanto finchè ambedue furono in vita e scrissero a quattro mani. Ma siamo sempre nel generico. Quindi, a scopo dimostrativo, andavo scartabellando i miei molti libri, cercandone uno, del periodo tra le due guerre, che fosse citabile come icona del Giallo ad Enigma.

Ecco, ho trovato! L’Enigma dell’Alfiere di S. S. Van Dine (lo dice la parola stessa!)  Però poi riflettendo mi sono detto: Sul web, di cazzate, già ce ne sono tante! E’ meglio rileggerlo. Ho fatto bene ! Da una rilettura, ho scovato soltanto due indizi: Uno è sì significativo,  ma l’autore lo offusca con una nuvola di chiacchiere a seminare dubbi sulla sua validità. Il secondo è addirittura “un’aringa rossa”, vale a dire una trappola per portare il lettore fuori strada. In conclusione: Non molto adatto come icona.

In compenso se prendiamo ad esempio i romanzi di Camilleri con Montalbano, ce n’è uno che sicuramente ha i requisiti per essere classificato giallo ad enigma ed è : “La Voce del violino.” Degl’altri non so dire, perchè andrebbero esaminati attentamente uno per uno. Sicuramente non lo sono tutti . Classificarli non ne vale la pena, poichè sono tutti abbastanza belli, con indizi o senza.

Ma non tutti sono Camilleri ed in giro ci sono parecchi libri deludenti. Non perchè siano scritti male, ma non sono appassionanti. Vi manca lo spirito del giallo. E se non c’è, non mi diverto.

Puoi lasciare un commento a questo post, o fare un trackback .


Commenta questo post